Travelling & Freelancing Freedom

Posted on May 19, 2017 in Blog, Travel

Share on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterPin on Pinterestshare on TumblrShare on LinkedInEmail to someone
*post italiano dopo quello inglese

Yesterday I took a day off from drawing (but not from inspiration), and I went to Hamburg.
The day was beautiful: warm, sun, good vibes.

Travels, even if shorts, release my mind from commitments and worries, and a pleasant wander off between my most intimate thoughts has created a wonderful feeling of well-being in myself.

I’m not a girl looking back type, definitely not.

But sometimes it is necessary a recap.

In just three weeks I will be 35, and I am proudly satisfied with my life.
I live where I want (today is Germany, tomorrow who knows) and I have a job that passionate me every day more
The freedom of choice is the bright side of beeing a freelance, isn’t it?
Deciding (I mean: really deciding) about your life and your future.

I admit that taking this path has been not easy at all.

Today, I want to share my personal experience with you.

I’ve never been rich, neither now, but fortunately, I’ve always had creativity as the source of my incomes! Like most of the all ordinary humans being, at the end of the month I have to pay my bills.
Many people wrongly think that the artist does not care about this rough stuff.

Often we are associated with many stereotypes

So, I had my job, and it was going well.

BUT…

In 2014, after nine years of being an “employee” (let’s call it that way), I was so demotivated that I had a breakdown.
I was upset.

Which direction was taking my life?

Well, after tons of ice cream and having rolled in my self-pity, I decided to try to find my dignity and get my life back again.
We all have our own ways: there are those who go for a crazy shopping, those who prefer a spa and … what about me? I bought an airplane ticket for Singapore.

I apparently felt that the dignity mentioned above had ended in Asia.

I traveled several months and, in the meanwhile, I was working on my Portfolio, releasing my mind and planning the future.
Back in Rome, I registered for VAT and became a freelance officially.

Scared?
Yes.

But, I’ve read somewhere, not a long time ago, a quote which impressed me a lot:
the brain is programmed to protect ourselves.

Everything that is uncertain, it stops us.

I am a fan of the Law of Attraction:
If we firmly believe in something, we can get it.

How?
Through two basic steps:

Focus – Knowing our own goals
Action – Working hard to achieve our goal

I never regret my choice for a single moment.

xo

My favorite coffee in the city – Speicherstadt Kaffeerösterei

Ieri mi son presa un giorno di pausa dal disegno (ma non dall’ispirazione) e sono andata ad Amburgo.
La giornata era meravigliosa: caldo, sole, good vibes.

I viaggi, seppure brevi, liberano la mia mente da oneri e preoccupazioni ed un lezioso divagare tra i pensieri più intimi ha fatto nascere in me una meravigliosa sensazione di benessere.

Non sono un tipo che si guarda indietro, decisamente no.

Ma ogni tanto un recap è necessario.

Tra poco più di tre settimane compirò 35 anni e sono orgogliosamente soddisfatta della mia vita.
Vivo dove voglio (oggi è la Germania, domani chissà) ed ho un lavoro che mi appassiona ogni giorno di più

Non è forse la libertà di scelta il bello di essere freelance?
Decidere (veramente) la propria vita e il proprio futuro.

Ammetto che intraprendere questo percorso non è stato affatto semplice.

Oggi voglio condividere con voi la mia personale esperienza.

Non sono mai stata benestante, neanche ora, ma fortunatamente ho sempre avuto dalla mia parte la creatività come fonte di reddito! Come la maggior parte dei comuni mortali, a fine mese ho i miei conti da pagare, ovviamente.
Molte persone pensano, erroneamente, che l’artista non si curi di queste faccende così aride e materiali.
Quanti stereotipi ci accompagnano…

Il lavoro non mi mancava e procedeva bene.

MA…

Nel 2014, dopo 9 anni di lavoro “dipendente” (chiamiamolo così), ero così demotivata che ho avuto un crollo.
Ero in crisi.

Quale direzione stava prendendo la mia vita?

Beh, dopo chili di gelato e aver sguazzato un bel po’ nell’autocommiserazione ho deciso di ridarmi un contegno e riprendere in mano la mia vita.
Ognuno ha i suoi mezzi: c’è chi si dedica allo shopping sfrenato, chi si rinchiude in una spa e… per me? Ho acquistato un biglietto per Singapore.

Evidentemente avevo percepito che il succitato contegno era finito in Asia.

Ho viaggiato diversi mesi, lavorato al mio Portfolio e ho liberato la mente, pianificando il mio futuro.
Tornata a Roma ho aperto Partita Iva e sono diventata ufficialmente una freelance.

Terrorizzata?
Sì.

Ma, ho letto da qualche parte, non molto tempo fa, una frase che mi ha colpito molto:
il cervello è programmato per proteggerci.

Tutto ciò che è incerto ci blocca.

Sono un sostenitrice convinta della legge dell’attrazione:
se crediamo fermamente in qualcosa possiamo realizzarla.

Come?
Attraverso due passi fondamentali:

Focus – conoscere il proprio obiettivo
Azione – lavorare per raggiungere il proprio obiettivo

Non rimpiango un solo istante la mia scelta.
xo

On the train, writing down some notes for this post on my way back

Leave a Reply