Do you look into the mirror to remind yourself you’re there?

Posted on Nov 14, 2013 in Blog

Share on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterPin on Pinterestshare on TumblrShare on LinkedInEmail to someone

20131114-192436.jpg
“How do you make what you do?”
“When your paintings comes alive?”
“What inspires you most?”
These are the questions that people ask me frequently. Behind any creation of mine there is a world of feelings and sensations, of experiences that contributed to making myself what I am today. My opinion is that as an artist I don’t have to explain the meaning of my artworks. I think that a painting should speaks for itself and share feelings regardless of the context in which it was created. On the other hand, it is a good idea to talk about those things that not belong to the private life and maybe could inspire someone else. In my case music is one of the main points of my life: I can remember each single song that contributed to every painting I’ve done, becoming the soundtrack. I’m a very closed person and I do not show my feelings easily: this is why music is so important in my life. With the right notes it is possible to find the key of my soul letting flow my emotions. This is what I do while I draw: I listen to a certain song over and over, completely free to concentrate myself only on what I’m doing in that moment. Often it is a particular theme or, as in the last week, a phrase that makes me hear a click inside me. The song I’m talking about is Love is a laserquest by the Arctic Monkeys, which is one of my favorite band at the moment. And precisely this part of the song:

And do you still think love is a laserquest
Or do you take it all more seriously
I’ve tried to ask you this in some daydreams that I’ve had
But you’re always busy being make-believe
And do you look into the mirror to remind yourself you’re there
Or have somebody’s good-night kisses got that covered

Look at me in the mirror was the first thing I felt the necessity to do: I wanted to find something and make a painting of it. And now I’d really like to know: what do you see when you look at yourself into the mirror? And: do you have a song that moves something inside yourself? If yes, which one?

“Come realizzi quello che fai?”
“Da dove nascono i tuoi quadri?”
“Cos’è che ti ispira maggiormente?”
Queste sono le domande che più spesso mi vengono poste. Dietro ogni mia creazione si cela un mondo, composto principalmente di emozioni e sensazioni, di esperienze vissute che hanno contribuito a formare la Manuela di oggi. Sono dell’opinione che un’artista non debba spiegare perché e per come un’opera prenda vita: credo che questa debba essere autonoma e trasmettere indipendentemente dal contesto in cui è stata creata. Però è bello condividere quelle fonti d’ispirazione che non appartengono alla sfera privata di una persona e che magari possono contribuire ad influenzare chi ci circonda. Nel mio caso e come già ho declamato più volte, la musica ha un ruolo chiave nella mia vita: ricordo ogni canzone che ha contribuito come colonna sonora per ogni mia illustrazione. La musica ha un potere trascendentale su di me: sono una persona di natura molto chiusa e che difficilmente mostra le proprie emozioni. Con la giusta canzone invece è possibile trovare la chiave necessaria ad aprire quella porta che racchiude tutta me stessa e far defluire i miei sentimenti. Questo è quello che faccio mentre disegno: scelgo una canzone e l’ascolto ancora ed ancora, libera di non pensare più a nulla se non a quello che sto creando in quel preciso istante. Spesso è una particolare melodia a colpirmi o, come è successa la scorsa settimana, una frase che fa scattare un clic nella mia anima. La canzone che ultimamente ha suscitato in me questa reazione é Love is a laserquest di uno dei gruppi che apprezzo di più, ovvero gli Arctic Monkeys. Ad attirare la mia attenzione è stato il punto in cui il testo dice

And do you still think love is a laserquest
Or do you take it all more seriously
I’ve tried to ask you this in some daydreams that I’ve had
But you’re always busy being make-believe
And do you look into the mirror to remind yourself you’re there
Or have somebody’s good-night kisses got that covered

E pensi ancora che l’amore sia un laserquest?
Oppure hai iniziato a prendere il tutto più seriamente?
Ho provato a chiedertelo in qualche sogno ad occhi aperti che ho fatto
ma tu sei sempre occupata a fantasticare
e ti guardi nello specchio per ricordarti che sei lì
o ci hanno pensato i baci della buona notte di qualcuno?

Istintivamente la mia reazione è stata quella di guardarmi allo specchio e osservarmi. Dopodiché ho pensato di realizzare la mia prossima illustrazione basandomi sulle riflessioni che ne sono scaturite. Ma la curiosità di sapere cosa ognuno di noi vede riflesso nel proprio specchio si è fatta largo tra i miei pensieri. Quindi, se ne avete voglia, ditemi: cosa vedete quando vi osservate? Anche voi avete una canzone in grado di smuovervi qualcosa dentro? Se sì, quale?

Leave a Reply